Leggendo Ora
L’Aloe vera: tutte le cure e come innaffiarla per una crescita maestosa!
Pubblicità

L’Aloe vera: tutte le cure e come innaffiarla per una crescita maestosa!

L’Aloe vera: tutte le cure e come innaffiarla per una crescita maestosa!

Chi possiede il pollice verde conosce perfettamente l’aloe vera.

L’aloe vera è una pianta succulenta della famiglia delle Asphodelaceae e predilige un clima secco e caldo.

Pubblicità

Questa pianta può raggiungere un metro d’altezza ed è risaputo che non ha bisogno di essere annaffiata frequentemente.

Tuttavia, visto che è capace di conservare l’acqua per molto tempo, bisogna apprendere il metodo migliore per darle da bere.

L’Aloe vera: tutte le cure e come innaffiarla per una crescita maestosa!
 

La prima cosa da fare è capire se la nostra pianta ha bisogno d’acqua. Un metodo efficace per capirlo è quello di tastare il terreno: se risulterà umido dobbiamo ancora aspettare se invece il terreno, anche in profondità, risulterà secco dobbiamo provvedere ad annaffiarla.

Vediamo qui di seguito qual è il modo migliore per innaffiare l’aloe vera facendola crescere sana e forte.

Quanto spesso si può innaffiare?

Innanzitutto, come abbiamo detto, la pianta va innaffiata all’occorrenza, proprio perché è capace di trattenere l’acqua. Ma su questa sua capacità incidono vari fattori. Il fattore principale è il clima in cui si trova: con il caldo la pianta va innaffiata più spesso e all’occorrenza bisogna procedere con la prova del dito per capire se la pianta necessita o meno di acqua.

La prova del dito indice consiste nell’inserire il dito nel terreno del vaso e capire se il terreno risulta umido o meno. Se si riesce a percepire umidità a 2 o 3 centimetri di profondità è meglio non innaffiarla. Se le foglie appaiono un po’ cadenti e il terreno al tatto non sembra umido allora è il momento giusto per darle da bere.

Innaffiare in profondità

Per innaffiare l’aloe vera l’ideale è versare l’acqua contenuta nell’annaffiatoio mirando al fondo del vaso ed è essenziale far fluire l’acqua attorno al bordo del vaso. Ovviamente l’acqua non va versata con velocità: è importante prendersi il tempo giusto e versarla con delicatezza. La pianta andrà innaffiata fino a quando l’acqua non uscirà dai fori di drenaggio. Tuttavia un metodo più efficace è quello del metodo di immersione. Infatti se la pianta è piccola si può immergere il vaso in una bacinella d’acqua facendo inumidire la zolla, l’importante è che il vaso sia forato sul fondo.

Pubblicità

Perché la pianta non può essere innaffiata dall’alto?

L’aloe vera essendo una pianta d’appartamento va innaffiata sulle radici. Dall’alto bagneremmo le foglie che essendo carnose e alte non riuscirebbero a far raggiungere l’acqua alle radici e ad abbeverarle in modo uniforme. Innaffiandola in questo modo la pianta crescerà molto meglio e apparirà decisamente più sana.

A questo punto siamo perfettamente in grado di prenderci cura della nostra pianta.

 

Qual è la tua reazione?
Divertito
1
Entusiasta
3
Felice
0
Incerto
1
Innamorato
1
Vedi Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

DonnaUp è un magazine redatto dalle donne per le donne. Strizza gli occhi prevalentemente ai temi cari al mondo femminile, quali la bellezza, il benessere, il mondo fashion, il lifestyle, lo spettacolo e, last but not least, il food.

© 2020 DonnaUp. Tutti i diritti riservati.

← Torna Su