Leggendo Ora
Stipsi? Combattila con questo frutto potentissimo senza farmaci! Consigliato mangiarne 5 al giorno
Pubblicità

Stipsi? Combattila con questo frutto potentissimo senza farmaci! Consigliato mangiarne 5 al giorno

Stipsi: vi puoi porre rimedio con un frutto efficacissimo e senza farmaci!

Una prugna secca è 5 volte più efficace come lassativo di una prugna fresca, ma può comportare alcuni inconvenienti. In ogni caso, tra tutti i frutti che ci possiamo procurare la prugna è senz’altro quello che più di ogni altro ci può dare una mano in questo senso.

Prugne, ecco come vanno consumate per porre rimedio alla stitichezza.

Pubblicità

Stipsi: vi puoi porre rimedio con un frutto efficacissimo e senza farmaci!

Non è il frutto più vistoso sul mercato, di sicuro, ma è molto buono e molto valorizzato anche in cucina.  Lo possiamo mangiare fresco o secco, al mattino a colazione o a sera a cena e inserirlo in una marea di piatti i più diversi. Che sia nelle marmellate o al naturale, come ripieno per le carni o nei dolci, questo magnifico frutto si adatta a tutto: dalle fette tostate al ripieno di un bel pollo al forno.

Ce ne sono molte varietà e alcune hanno anche un nome specifico. Ma l’elenco dei nomi è lungo e tedioso:  il modo più facile per classificare questo frutto è senz’altro per colore e per grado di dolcezza.

Quelle gialle. Molto succose, ma anche acide, vanno bene per fare marmellate e gelatine, ma anche come ripieno per carne e pollame; ottime anche come ingrediente principe di meravigliose salse agrodolci.

Rosse. Pure queste succose e un po’ dolci, si possono consumare crude e adoperare nelle medesime ricette di quelle gialle, ma il colore più chiaro e squillante le consiglia in torte, sorbetti, gelati e dolci in genere.

Nere. Sono molto dolci. Vanno benissimo per le marmellate, ma ovviamente dovremo usare meno zucchero rispetto alle varietà viste sopra. Ottime per salse e guarnizioni di accompagnamento.

Verdi. Quella verde è la regina delle prugne e la più dolce di tutte; una delizia al naturale, ma anche un ingrediente eccezionale in pasticceria.

Pubblicità

Come sceglierle

Le migliori prugne fresche devono essere sode al tatto e non presentare lividi o segni sulla superfici; devono inoltre mostrare una patina fine e biancastra sulla “pelle”, la qual cosa è indicazione che sono state raccolte da poco. Se le conserviamo in frigo, va benissimo, ma è sempre bene tirarle fuori un po’ prima di quando intendiamo consumarle, per gustarne a pieno consistenza e sapore.

Stitichezza: le puoi porre rimedio con questo lassativo naturale senza farmaci

See Also

Come tutta la frutta, le prugne sono un alimento assai salutare che dovrebbe far parte della dieta di ciascuno, ma soprattutto, è ovvio, di quelle persone che soffrono di stipsi.

La prugna contiene l’83% di acqua, il 2% di fibre e l’11% di carboidrati: ma, è qui è il bello, contiene solo lo zero virgola due per cento di grassi, quasi nulla.

Ma sono anche ricche di vitamine A e C, carboidrati semplici e complessi e sali minerali come potassio e fosforo, preziosi per la cura delle nostre ossa e denti.

Articolo revisionato da Maria Di Bianco, Dottoressa in Scienze dell’Alimentazione e della Nutrizione Umana.

Pubblicità

 

Qual è la tua reazione?
Divertito
0
Entusiasta
2
Felice
0
Incerto
1
Innamorato
2
Vedi Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

DonnaUp è un magazine redatto dalle donne per le donne. Strizza gli occhi prevalentemente ai temi cari al mondo femminile, quali la bellezza, il benessere, il mondo fashion, il lifestyle, lo spettacolo e, last but not least, il food.

© 2020 DonnaUp. Tutti i diritti riservati.

← Torna Su