Leggendo Ora
Repellenti contro le zanzare: attenzione alcuni sono tossici, controllate sempre l’etichetta!
Pubblicità

Repellenti contro le zanzare: attenzione alcuni sono tossici, controllate sempre l’etichetta!

Con l’arrivo della bella stagione, ritornano ospiti indesiderati: ecco allora che ricorriamo con eccessiva facilità ai repellenti contro le zanzare. Attenzione! Che siano lozioni, spray, roll, creme, spesso sono realizzati con ingredienti potenzialmente nocivi.

A lanciare l’allarme è GreenMe dalle sue pagine on-line, ma non si limita a metterci in guardia da biocidi o antiparassitari potenzialmente critici, ci fornisce anche le informazioni necessarie per acquistare un prodotto atossico ed efficace.

La prima regola aurea resta sempre e comunque una lettura attenta dell’etichetta.

Pubblicità

La DGCCRF (Direzione generale della Concorrenza, dei consumatori e del controllo delle frodi) francese ci invita a verificare quanto riportato:

  • il lasso di tempo necessario per l’attuazione dell’effetto biocida e la sua durata;
  • il numero del lotto e la sua scadenza;
  • la specifica di qualsiasi principio attivo impiegato.

Particolarmente riguardo a quest’ultimo punto vi spieghiamo come procedere.

Repellenti contro le zanzare

Repellenti contro le zanzare: attenzione, controllate l’etichetta, alcuni ingredienti sono tossici!

Per aiutarci ad individuare un repellente anti-zanzare efficace ma sicuro per noi e il pianeta, l’Unione Europea a stilato un Regolamento di conformità che autorizza la vendita solo se il prodotto:

  • non presenta rischi in termine di salute umana, animale e ambientale a fronte di un’efficacia comprovata;
  • contiene sostanze attive approvate per l’utilizzo specifico.

Per quanto riguarda questo secondo punto, è bene attenersi alle direttive dell’Agenzia europea per le sostanze chimiche (ECHA), che approva, tra le altre:

  • Essenza di:
    • menta
    • lavanda
    • Citronella
  • Estratto di:
    • neem
    • Chrysanthenum cinerariaefolium
  • Geraniolo
  • Olio di lavanda (estratto di Lavandula hybrida)
  • Citriodiolo

Non sono elencati e quindi non sono permessi, invece, i seguenti principi attivi:

  • Olio essenziale di
    • menta piperita
    • citronella
    • neem
    • limone eucalipto
    • ylang ylang
    • tea tree australiano
    • geranio
    • lemongrass
  • Linalool

Ma non finisce qui. La DGCCRF ha voluto aggiungere altri particolari per guidarci nella lettura delle etichette. Badate che contengano diciture quali:

Pubblicità
  • naturale,
  • rispettoso dell’ambiente,
  • non nocivo per la salute,
  • amico degli animali,
  • biocida a basso rischio,
  • non tossico.

Solo così metterete al riparo i vostri cari e voi non solo da punture, ma anche da problematiche più serie.

Qual è la tua reazione?
Divertito
0
Entusiasta
0
Felice
0
Incerto
0
Innamorato
0
Vedi Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

DonnaUp è un magazine redatto dalle donne per le donne. Strizza gli occhi prevalentemente ai temi cari al mondo femminile, quali la bellezza, il benessere, il mondo fashion, il lifestyle, lo spettacolo e, last but not least, il food.

© 2020 DonnaUp. Tutti i diritti riservati.

← Torna Su