Leggendo Ora
La dieta proteica: quali carboidrati e quanti ne puoi mangiare!
Pubblicità

La dieta proteica: quali carboidrati e quanti ne puoi mangiare!

La dieta proteica: quali carboidrati e quanti ne puoi mangiare!

Se la tua meta è dimagrire, un modo piuttosto efficace per ottenere questo risultato è adottare una dieta a basso contenuto di carboidrati.

Vediamo più precisamente come.

Pubblicità

La dieta proteica: quali carboidrati e quanti ne puoi mangiare!

Ci sono molte diete oggigiorno che promettono di aiutarti a perdere i chili di troppo. Tra queste una per così dire “tradizionale”, ma anche efficace, è quella che consiste in una restrizione dei carboidrati. Si tratta di un regime che per l’appunto limita i carboidrati a beneficio di proteine e grassi.

Quali sono i carboidrati sottoposti a restrizione? Fondamentalmente i cereali e certi tipi di frutta che contiene amido.

L’obiettivo fondamentale di una dieta povera di carboidrati è perdere peso, ma una dieta di questo tipo comporta anche dei benefici per la salute. In particolare bisogna rammentare che una dieta di questo tipo può aiutare a prevenire il diabete di tipo 2 anche la cosiddetta sindrome metabolica.

Un consumo eccessivo di carboidrati è tipico del cosiddetto “cibo spazzatura”, che come si sa pone dei rischi di lungo periodo per la salute. Una dieta a basso contenuto di carboidrati accompagnata da un esercizio fisico regolare è a questo proposito una sorta di “assicurazione” contro la comparsa di queste malattie.

Le caratteristiche di questa dieta

Uno dei vantaggi di questa dieta è che in una certa misura la si può adattare alle proprie necessità. Quali sono i carboidrati che si può continuare a consumare?

I carboidrati si distinguono in; naturali semplici (per esempio il fruttosio), raffinati semplici (lo zucchero comune), naturali complessi (legumi, cereali integrali) e raffinati complessi (la farina raffinata).

Pubblicità

Ora, i carboidrati che bisogna evitare a tutti i costi se si vuole dimagrire sono questi ultimi, ovvero i raffinati complessi (tipicamente la farina bianca).

Per gradi

È opportuno cominciare questo tipo di dieta in maniera progressiva: ovvero i carboidrati non vanno eliminati di colpo, ma un po’ alla volta, per gradi. Se consumi carboidrati raffinati complessi tutti i giorni, il miglior modo per cominciare la dieta è diminuirne la quantità un poco tutti i giorni, fino a eliminarli o a ridurli al minimo indispensabile.

Quali carboidrati si possono consumare?

Non tutti i carboidrati vanno eliminati, alcuni fanno bene. Possiamo mantenere quelli di frutta e verdura, per esempio, ma possiamo anche continuare a consumare il latte (di preferenza scremato) e i suoi derivati, tra i quali in particolare lo yogurt e i formaggi freschi.

Ma vanno bene anche i legumi: ceci, lenticchie, fagioli e così via. Ed è ottima anche la frutta secca: noci, nocciole e così via.

Come regola generale, poi, è consigliabile non consumare alimenti dolci la sera, perché la sera la dedichiamo al riposo e quindi non abbiamo bisogno di energia.

Secondo le Dietary Guidelines for Americans, infine, i carboidrati dovrebbero costituire tra il 45 e il 65 per cento dell’apporto giornaliero di calorie. Su 2000 calorie, quindi, quelle derivanti da carboidrati dovrebbero attestarsi tra le 900 e le 1300.

Articolo revisionato da Maria Di Bianco, Dottoressa in Scienze dell’Alimentazione e della Nutrizione Umana.

Pubblicità
Qual è la tua reazione?
Divertito
0
Entusiasta
0
Felice
0
Incerto
0
Innamorato
0
Vedi Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

DonnaUp è un magazine redatto dalle donne per le donne. Strizza gli occhi prevalentemente ai temi cari al mondo femminile, quali la bellezza, il benessere, il mondo fashion, il lifestyle, lo spettacolo e, last but not least, il food.

© 2020 DonnaUp. Tutti i diritti riservati.

← Torna Su