Leggendo Ora
La dieta del minestrone: dimagrisci fino a 5 chili in una settimana (menù)
Pubblicità

La dieta del minestrone: dimagrisci fino a 5 chili in una settimana (menù)

La dieta del minestrone per dimagrire fino a 5 chili in una settimana

La dieta del minestrone ha fatto la sua prima apparizione circa trent’anni fa su alcune riviste che si occupavano di bellezza e benessere femminile. Si trattava di una nuova dieta adottata tra le mura di una clinica privata, a beneficio di persone obese che dovevano subire interventi al cuore e avevano urgente  necessità di dimagrire in fretta.

Pubblicità

Di acqua ne è passata sotto i ponti, da allora, ma la dieta del minestrone può ancora oggi considerarsi un regime dietetico molto efficace quando si tratta di perdere peso alla svelta.

Ma attenzione: non si può seguire la dieta del minestrone per troppo tempo. L’optimum è limitarsi a una settimana, massimo massimo due, ma assolutamente non di più.

La dieta del minestrone per dimagrire fino a 5 chili in una settimana

Questa dieta è ipocalorica e anche ipoglicemica. Nei primi giorni è anche ipoproteica, sicché si può considerare davvero povera dal punto di vista nutrizionale (ecco perché non si può seguire a lungo).

C’è chi la difende affermando che nel minestrone di verdure ci sono le vitamine, ma la cosa non è vera, perché è noto che col calore della cottura le vitamine si perdono. Restano le fibre e i minerali. Questo dà conto del fatto che dopo i primi quattro è assolutamente necessario integrare con delle proteine.

Sono molte le verdure che si possono adoperare per preparare un ricco minestrone: carote, pomodori, cipolle, porri, sedano, spinaci, verza, bietole, cicoria, radicchio, carciofi, peperoni, zucchine e quant’altro.

Un buon accorgimento è aggiungere un sacco di spezie per dare sapore e personalità alla pietanza, limitando invece al massimo il contenuto di sale, che potrebbe ostacolare l’azione diuretica e drenante del minestrone. Luce verde dunque a prezzemolo, basilico, origano, maggiorana, timo, peperoncino; ma anche, volendo, a curcuma, zenzero e curry.

In questa dieta non ci sono limiti alla quantità di minestrone che si può mangiare. Volendo, se la cosa non ci fa venire gli stranguglioni, si può anche cominciare la mattina a colazione…

Pubblicità

Giova comunque ripetere l’avvertenza di cui sopra: mai superare la settimana (massimo 2), perché si tratta di una dieta squilibrata che alla lunga può fare danni alla salute.

Un esempio di giornata-tipo con questa dieta:

Colazione: tè o caffè più una mela o una pera.
Spuntino: un succo di frutta senza zucchero o un centrifugato di frutta.
Pranzo: minestrone a volontà.
Merenda: una mela o la frutta che più vi piace.
Cena: di nuovo minestrone ad libitum.

MENU

Articolo revisionato da Maria Di Bianco, Dottoressa in Scienze dell’Alimentazione e della Nutrizione Umana.

 

Pubblicità
Qual è la tua reazione?
Divertito
2
Entusiasta
4
Felice
2
Incerto
5
Innamorato
1
Vedi Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

DonnaUp è un magazine redatto dalle donne per le donne. Strizza gli occhi prevalentemente ai temi cari al mondo femminile, quali la bellezza, il benessere, il mondo fashion, il lifestyle, lo spettacolo e, last but not least, il food.

© 2020 DonnaUp. Tutti i diritti riservati.

← Torna Su