Leggendo Ora
Detersivi tossici per noi e per il pianeta: uno è leader di settore. I risultati del test.
Pubblicità

Detersivi tossici per noi e per il pianeta: uno è leader di settore. I risultati del test.

Detersivi tossici per noi e per il pianeta: come riconoscerli. I risultati del test.

Nonostante le segnalazioni pubbliche e le inchieste continue, i detersivi tossici sono attualmente in commercio. Questo è un dato alquanto allarmante per la salute nostre e dell’ambiente, giacché due ingredienti in particolare risultano alquanto nocivi: si tratta di tensiottivi, derivati dall’ossido di etielene (etissolati di octilfenolo e di nonilfenolo).

Interferiscono con il sistema riproduttivo degli animali acquatici e sono vietati per legge dal 2008.

Eppure risultano ancora presenti in numerose formulazioni. Questo dichiara dalle sue pagine multimediali, GreenMe, rifacendosi ad una ricerca condotta in Svizzera da K-tipp su 50 prodotti, 18 dei quali risultavano già bloccati sulla carta, ma ancora distribuiti.

Pubblicità

A condurre le analisi è stato il laboratorio cantonale di Basilea Città, ordinando un immediato stop alle vendite. Vero è che la la Confederazione Elvetica non fa parte della Comunità Europea, ma quanto riportato può indurre anche i nostri responsabili a verificare la composizione chimica dei diversi detergenti che finiscono nei nostri scarichi.

Inoltre, la terra è uno spazio comune, condiviso, a cui l’umanità intera deve rispetto. Preservare il nostro pianeta è un dovere che prescinde dalla nazionalità.

Vediamo allora cosa è emerso dalle indagini svizzere.

Detersivi tossici per noi e per il pianeta: come riconoscerli. I risultati del test.

Detersivi tossici per noi e per il pianeta: come riconoscerli. I risultati del test.

Dalla ricerca svizzera è risultato che gli ingredienti chimici potenzialmente tossici sono ancora in circolazione in parecchi prodotti per la detersione: si tratta di sostanze corrosive, oppure irritanti se vengono a contatto con gli occhi, oppure ancora confondibili con giocattoli o sciroppi per bambini.

Su 50, solo 2 erano conformi ai requisiti di legge, ma forse il peggiore della lista risulta Cif Crème Citrus, ATTENZIONE però, è una formulazione distribuita solo in Svizzera. Tanto è il rischio tossico a lui imputato che viene richiesta da K-Tipp la modifica sostanziale dei suoi ingredienti a Unilier (il produttore) entro giugno.

L’elenco dei detersivi tossici redatto dalla ricista è suddiviso in diverse categorie a seconda del tipo di pericolo ad essi legato:

Pubblicità
  • irritanti per gli occhi:
    • “Biobaula Öko” (venduto nei negozi bio)
    • Oecoplan Camomille” Coop (Svizzera)
    • Sea to Summit Wilderness Wash” e “Laundry Wash”, venduti sulle bancarelle e nei mercati svizzeri
    • “Sodasan Lemon Freshness” (venduto nei negozi bio)
  • sembrano giocattoli o sciroppi:
    • “Cif Crème Citrus”
    • “Fox” (in vendita nelle Coop)
    • “Fox” nella versione “Raspberry” con disegno di frutta rosa.

Per quanto riguarda il nostro mercato, verificate sempre e comunque le etichette per escludere la presenza di componenti irritanti o inquinanti. L’educazione ambientale resta imprescindibile ad ogni latitudine.

Qual è la tua reazione?
Divertito
0
Entusiasta
0
Felice
0
Incerto
0
Innamorato
0
Vedi Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

DonnaUp è un magazine redatto dalle donne per le donne. Strizza gli occhi prevalentemente ai temi cari al mondo femminile, quali la bellezza, il benessere, il mondo fashion, il lifestyle, lo spettacolo e, last but not least, il food.

© 2020 DonnaUp. Tutti i diritti riservati.

← Torna Su