Leggendo Ora
Come riconoscere Il miele migliore: Attenzione al falso miele! Come evitare le truffe
Pubblicità

Come riconoscere Il miele migliore: Attenzione al falso miele! Come evitare le truffe

Se amate il miele, fate attenzione a quello falso!

Purtroppo, infatti, la situazione ambientale non è rosea; il clima impazzito, l’utilizzo smodato di pesticidi, i cambiamenti epocali a cui stiamo assistendo, compromettono severamente la sopravvivenza delle api. La produzione italiana, stando ai dati della Coldiretti, si è dimezzata fino ad assestarsi sui 10 milioni di chili, il punto più basso degli ultimi 35 anni.

Ecco allora che circa la metà del prodotto disponibile in commercio proviene da altri paesi, soprattutto da Ungheria e Cina.

Pubblicità

Il mercato cinese, soprattutto, distribuisce, però, un falso miele. Il costo è allettante perché si aggira intorno all’1,20 euro al chilo (contro i 4 euro a cui è venduto all’ingrosso quello nostrano), ma non è certo un prodotto ricco di proprietà nutritive. Non viene preparato solo dalle api, è l’uomo a crearlo con l’aggiunta di sciroppi vari (riso, mais, fruttosio, glucosio). Questo preparato ha penalizzato significativamente il mercato del nostro paese.

Purtroppo, però, in Italia non esistono controlli sulla composizione organolettica del miele, ma solo ed unicamente sulla presenza di metalli pesanti, erbicidi, pesticidi e antibiotici. Quindi, questo alimento fasullo supera facilmente le frontiere senza neppure riportare l’etichettatura “Origine: Cina”.

Se è vero che su ogni barattolo deve per legge essere indicata la provenienza, lo è anche il fatto che basta apporre la scritta “miscela di mieli originari e non originari della UE” per rientrare nella normativa e approdare sugli scaffali dei supermercati.

Solitamente, il miele extracomunitario che entra in un qualsiasi paese membro, diventa automaticamente comunitario.

Come fare allora ad assicurarsi un prodotto vero, sano e genuino?

Ve lo spieghiamo noi!

ROME, ITALY – CIRCA NOVEMBER 2017: shelves in Conad supermarket in Rome.

 

Pubblicità

Attenzione al falso miele: come evitare le truffe e assicurarsi un alimento sano e genuino!

Per garantirvi un miele purissimo, dovete necessariamente recarvi da un apicoltore, in un mercatino alimentare, in un negozio biologico. Solo qui potrete godere di un alimento perfetto e completo sotto il profilo nutrizionale, con tutte le decantate virtù del caso.

Se, però, siete solite acquistarlo al supermercato, imparate a leggere accuratamente l’etichetta.

Per legge, come anticipato, viene obbligatoriamente riportata la provenienza. Il miele italiano non ammette coltivazioni Ogm, è quindi il più sicuro. Se in confezione è riportata solo la parola Italia, potete essere certe della sua genuinità.

Ma è possibile anche incappare in diciture quali “miscela di mieli originari della UE”, se racconto tra gli stati membri o “miscela di mieli originari e non originari della UE”, se arriva da Ungheria e Argentina. Meglio rinunciare e prediligere quello nostrano.

Credit foto

 

Pubblicità

Anche per quanto riguarda la consistenza, abbiate cura di verificare che non sia troppo liquido e omogeneo.

Il miele naturale tende a cristallizzare in breve tempo, ma l’industria alimentare per compiacere ai consumatori, ha da tempo inserito tra i vari passaggi anche la pastorizzazione. Si tratta di un processo che surriscalda l’alimento portandolo a temperature superiori a 75° e compromettendo la sua composizione organolettica e tutti i micronutrienti volatili.

In breve, ciò che resta è un alimento zuccherino, privo però di antiossidanti, vitamine, enzimi e proprietà antibatteriche e antiinfiammatorie. Essendo il miele un prodotto che si conserva integro e inalterato a lungo (al contrario di latte e uova, ad esempio), questa fase è deleteria, dannosa e inutile.

Ma, sempre verificando in etichetta, potete garantirvi un prodotto “non riscaldato” o “non pastorizzato”, perché se è davvero naturale, le aziende hanno il diritto di comunicarlo sulla confezione. Al contrario, se queste scritte sono omesse, allora, siete davanti ad un alimento pastorizzato.

Ora che sapete esattamente come comportarvi, scegliete consapevolmente!

 

Qual è la tua reazione?
Divertito
0
Entusiasta
0
Felice
0
Incerto
1
Innamorato
1
Vedi Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

DonnaUp è un magazine redatto dalle donne per le donne. Strizza gli occhi prevalentemente ai temi cari al mondo femminile, quali la bellezza, il benessere, il mondo fashion, il lifestyle, lo spettacolo e, last but not least, il food.

© 2020 DonnaUp. Tutti i diritti riservati.

← Torna Su