Leggendo Ora
Scatolette di Tonno: Avete mai notato questa dicitura? Fate attenzione! Vi spieghiamo perché!
Pubblicità

Scatolette di Tonno: Avete mai notato questa dicitura? Fate attenzione! Vi spieghiamo perché!

D’estate, si sa, il tonno in scatola la fa da padrone! Che sia per condire la pasta, l’insalata di riso o dell’orto, poco importa, rinfresca e assicura una dose di micronutrienti indispensabili alla salute del nostro organismo, come riportato in una ricerca voluta dall’ANCIT, l’Associazione Nazionale Conservieri Ittici e delle Tonnare, condotta da BVA Doxa (qui trovate il link diretto).

Ma come riconoscere quello migliore? Da una scritta riportata sulla confezione a cui nessuno, davvero nessuno, fa mai caso!

In etichetta, sono segnalate informazioni molto dettagliate che permettono di conoscere: specie ittica, attrezzatura utilizzata, allergeni presenti, congelamento eventuale del pesce, operatori e zona di cattura.

Pubblicità

Quest’ultimo dato sembra irrilevante, ma è di fondamentale importanza individuare la provenienza del pescato per accertarsi della sua qualità.

 

 

Sai davvero scegliere il tonno in scatola migliore? Ti spieghiamo cosa devi controllare in etichetta!

Sull’etichetta del tonno è riportata, per legge, la dicitura FAO con una cifra accanto: la combinazione alfanumerica indica l’esatta zona di pescaggio.

Imparare a decifrarla vi permetterà di individuare la provenienza precisa del tonno, in modo da verificare quanto le acque siano o meno inquinate e se la pesca è legale per la sopravvivenza della specie.

Principalmente il tonno che troviamo nei nostri supermercati viene pescato nell’Oceano Pacifico, in quello Indiano e in quello Atlantico.

Pubblicità

Di seguito i dettagli precisi per ogni FAO:

  • 18 – Mar Artico
  • 21 e 27 – Atlantico nord-occidentale e nord-orientale
  • 27 IIID – Mar Baltico
  • 31 e 34 – Atlantico centro-occidentale e centro-orientale
  • 37 – Mar Mediterraneo
  • 37.1, 37.2, 37.3 – Mar Mediterraneo
  • 37.4 – Mar Nero
  • 41 e 47 – Atlantico sud-occidentale e sud-orientale
  • 48, 58, 88 – Mar Atlantico
  • 51 E 57 – Oceano Indiano
  • 61, 67, 71, 77, 81, 87 – Oceano Pacifico

Le aree più compromesse sono la 61, 71 e 67 dell’oceano pacifico, contaminate dalla tragedia di Fukushima. Anche la zona nord-est dell’Atlantico e il Golfo del Messico non sono sicure a causa di disastri importanti come navi in avaria e scarichi in mare.

Sono da prediligere prodotti provenienti dal Mar Mediterraneo (FAO 37) e dal Baltico (27III) e Atlantico Nord Orientale (FAO 27), dove viene effettuata una pesca sostenibile e controllata tramite le severe e serie normative europee.

Ora che sapete proprio tutto, leggere l’etichetta sarà un modo in più per tutelare la salute vostra e dell’ecosistema.

Qual è la tua reazione?
Divertito
0
Entusiasta
0
Felice
0
Incerto
0
Innamorato
0
Vedi Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

DonnaUp è un magazine redatto dalle donne per le donne. Strizza gli occhi prevalentemente ai temi cari al mondo femminile, quali la bellezza, il benessere, il mondo fashion, il lifestyle, lo spettacolo e, last but not least, il food.

© 2020 DonnaUp. Tutti i diritti riservati.

← Torna Su