Leggendo Ora
Scarpe da jogging: la classifica delle marche famose migliori e peggiori. I risultati del test
Pubblicità

Scarpe da jogging: la classifica delle marche famose migliori e peggiori. I risultati del test

Scarpe da jogging: tra le peggiori Nike, Asics e New Balance. Tra i migliori 2 marche di Decathlon, la classifica!

Enzo Jannacci le chiamava “i scarp del tennis”. Oggi, più pomposamente, si chiamano (anche) “scarpe da jogging”. Come con tutto, ce ne sono di buone e di meno buone. Vediamo quali sono le migliori e le peggiori secondo la classifica stilata da una nota rivista svizzera di difesa dei consumatori.

Pubblicità

Scarpe da jogging: tra le peggiori Nike, Asics e New Balance. Tra i migliori 2 marche di Decathlon, la classifica!

Sono tante le persone che per correre comprano scarpe da jogging. Non tutti i modelli sono resistenti e di buona qualità. Un nuovo test svizzero ha voluto verificare più da vicino. Mettendo a confronto marche molto note come Nike, Asics, New Balance e Saucony.

C’è da dire che alla fine delle prove solo due hanno raggiunto la sufficienza e sono modelli venduti da Decathlon. Ma vediamo più nel dettaglio.

Scarpe da jogging: la classifica delle marche migliori e peggiori, secondo il test svizzero!

Le scarpe da jogging che usiamo per correre dovrebbero essere fatte con materiali resistenti e durare a lungo. In commercio ci sono tanti modelli e marche anche di prezzo piuttosto consistente. Per sapere quali sono le scarpe da jogging migliori, la rivista svizzera K-Tipp e il programma “Kassensturz” di SRF (Schweizer Radio und Fernsehen)  hanno condotto un test su 15 modelli molto venduti in Svizzera (ma anche in Italia).

Lo studio è stato effettuato in Germania, e sono stati valutati diversi parametri.

Per esempio: resistenza all’abrasione, ovvero quanto il materiale delle scarpe resiste allo sfregamento sia del suolo che del piede. Da questo punto fi vista, quasi tutti i modelli non hanno superato la prova.

Oppure robustezza e assorbimento degli urti: è stata misurata l’elasticità della suola dopo aver circa mille chilometri.

Flessione delle suole: quattro modelli hanno mostrato crepe sulla suola dopo questa prova.

Pubblicità

Allacciatura: è stata misurata la resistenza dei lacci a una forte trazione.

prezzi delle scarpe erano molto differenti. Si andava dai 35 franchi svizzeri ai 240. Il più delle volte la differenza è da attribuire alla pubblicità del marchio e al brand piuttosto che alla qualità della scarpa.

Come spiega K-Tipp:

“Tutte le scarpe da corsa nel test sono state prodotte in Cina, Vietnam o Indonesia. Non ci sono grandi differenze nei costi di produzione in Asia. Indipendentemente dal fatto che le scarpe siano fatte per un discount o un marchio premium”.

Dopo tutti i test, solo un modello è risultato il vincitore assoluto: si tratta della scarpa Strata 5 di 361°.

Infatti come si può leggere su SRF:

Le scarpe con la “sufficienza”

Sono:

Pubblicità

Kalenij Run (venduta da Decathlon)
ActiveAdidas Ultraboost DNA 5.0
Puma Magnify Nitro SP
Mizuno Wave Rider Neo 2
Cloudstratus On
Long 2 Kiprun (venduta da Decathlon)
Adrenaline GTS 22

La maggior sorpresa è stata vedere la scarpa Kalenij Run (venduta da Decathlon) a parità di risultato con altre scarpe molto più costose e conosciute, come anche l’altro modello commercializzato da Decathlon: Long 2 Kiprun.

K-Tipp scrive:

“La scarpa Kalenji di Decathlon – il modello più economico del test a 35 franchi – aveva la fodera interna più resistente all’abrasione ed era comunque sufficiente nel complesso. Anche un altro prodotto Decathlon si è comportato meglio in questo test: il modello Kiprun per 85 franchi offre ai corridori la suola più robusta del test”.

 

 

Qual è la tua reazione?
Divertito
0
Entusiasta
0
Felice
0
Incerto
0
Innamorato
0
Vedi Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

DonnaUp è un magazine redatto dalle donne per le donne. Strizza gli occhi prevalentemente ai temi cari al mondo femminile, quali la bellezza, il benessere, il mondo fashion, il lifestyle, lo spettacolo e, last but not least, il food.

© 2020 DonnaUp. Tutti i diritti riservati.

← Torna Su