Leggendo Ora
Le migliori marche di Shampoo: ecco i risultati di un famoso test
Pubblicità

Le migliori marche di Shampoo: ecco i risultati di un famoso test

Shampoo riparatori: i migliori che puoi comprare secondo il test di laboratorio

Tra sole, mare, cloro, vento, sabbia e salsedine, gli shampoo riparatori stanno attraversando un periodo di gloria. Ma non sono tutti uguali, anzi!

Iniziamo con il dire che il termine utilizzato per classificarli non è corretto.

I fusti dei capelli sono costituiti principalmente da cheratina e melanina (responsabile della loro colorazione), sostanze cornee che non possono essere riparate, una volta danneggiate.

Pubblicità

Ciò che un cosmetico apposito può fare è semplicemente migliorare il loro aspetto, non certo curarlo.

È su queste basi e sulla capacità di richiudere le squame che ha voluto indagare la rivista tedesca Oko-test. Nei suoi laboratori ha analizzato 50 prodotti; 18 dei quali hanno superato il test per assenza di componenti controverse per il benessere nostro e del pianeta.

I marchi considerati in questa indagine sono presenti per lo più in Germania, ma alcuni vengono distribuita anche sul nostro suolo nazionale.

Curiose di scoprire quanto rilevato? Iniziamo.

Shampoo riparatori: i migliori che puoi comprare secondo il test di laboratorio

Shampoo riparatori: i migliori che puoi comprare secondo il test di laboratorio.

A diramare i risultati delle analisi tedesche è GreenMe dalle sue pagine on-line. Ma non si limita a comunicare i vincitori di questo test. La rivista italiana a tutela della salute nostra e ambientale ci spiega anche che il fine non è stato quello di valutare quanto realmente i prodotti riparassero i capelli, dal momento che è una promessa falsa. Le valutazioni si sono focalizzate sulla presenza o meno di ingredienti controversi nelle formulazioni, marchio per marchio.

Come prevedibile, tali sostanze sono normalmente impiegate in parecchi shampoo, pur sempre nel rispetto delle normative internazionali, quindi in percentuali minime.

Pubblicità

Tra queste troviamo:

  • Galaxolid: si tratta di una profumazione artificiale al muschio, ma risulta pericolosamente inquinante;
  • CIT (Methylchloroisothiazolinone): conservante allergizzante, sotto continua osservazione da parte della Comunità Europea, tanto quanto isoeugenolo, alcool cinnamico, idrossicitronellale e la formaldeide;
  • PEG, depauperano la barriera idrolipidica della cute e la rendono permeabile;
  • BHT (idrossitoluene butilato): su cui gravita il sospetto che possa alterare il sistema ormonale;
  • così come il filtro UV denominato Etilesilmetossi cinnamato, anch’esso presente in alcuni prodotti.
  • Siliconi e altri polimeri di plastica liquida che disperdendosi nelle acque reflue compromettono la sopravvivenza di alcune specie ittiche.

Shampoo riparatori: i migliori che puoi comprare secondo il test di laboratorio

Ma veniamo all’individuazione dei prodotti migliori: sono in tutto 18, ma solo 3 sono distribuiti anche dal mercato italiano:

  • Lavera repair
  • Logona all’olivello spinoso biologico
  • Sante all’olio di oliva biologico e proteine del pisello

Tra quelli che ottengono una valutazione buona, potete trovare:

  • Yves Rocher Repair
  • Nivea Repair
Qual è la tua reazione?
Divertito
0
Entusiasta
0
Felice
1
Incerto
0
Innamorato
0
Vedi Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

DonnaUp è un magazine redatto dalle donne per le donne. Strizza gli occhi prevalentemente ai temi cari al mondo femminile, quali la bellezza, il benessere, il mondo fashion, il lifestyle, lo spettacolo e, last but not least, il food.

© 2020 DonnaUp. Tutti i diritti riservati.

← Torna Su