Leggendo Ora
La scarola stufata e gratinata l’accompagnamento perfetto per i tuoi piatti
Pubblicità

La scarola stufata e gratinata l’accompagnamento perfetto per i tuoi piatti

La scarola stufata e gratinata, l’accompagnamento perfetto per i tuoi piatti

La scarola stufata, l’accompagnamento perfetto per i tuoi piatti. La cucina italiana, lo sappiamo, è fortemente regionale, anzi, locale. Ogni venti chilometri, più o meno, cambiano la parlata e gli accenti e pure le abitudini alimentari: di qua i passatelli, di là i cappelletti in brodo, e così via.

La scarola stufata, l’accompagnamento perfetto per i tuoi piatti

 

Pubblicità

Le gastronomie locali sono una miniera inesauribile di idee, di sapori, di tradizioni secolari. La ricetta che vi suggeriamo oggi appartiene a questo vastissimo “corpus” di tradizioni e abitudini culinarie.

Si tratta di una appetitosa scarola stufata di origine campana che può servire da ottimo accompagnamento per i vostri piatti, specie i secondi di carne o di pesce.

Ma veniamo alla ricetta.

Gli ingredienti

Per quattro persone occorrono: tre o quattro filetti di alici al naturale; un cespo di scarola liscia; un pugno di olive nere di Gaeta intere o snocciolate (ma possono andare bene anche le taggiasche); mezzo spicchio d’aglio; olio extravergine di oliva q.b.; pinoli q.b.; capperi dissalati q.b.; pepe q.b.

Per la gratinatura

  • La mollica di due panini
  • sale
  • olio
  • origano
  • uno spicchio d’aglio
  • pepe o peperoncino

La preparazione

In primo luogo si tolgono le foglie di scarola che appaiono appassite e poi si taglia il cespo a metà, dopodiché lo si ammolla in acqua con l’aggiunta di un cucchiaino di bicarbonato e poi lo si sciacqua per bene sotto un getto d’acqua abbondante.

Il passo seguente è prendere una pentola e metterla a scaldare leggermente sul fornello, senza niente dentro; dopodiché si mette la scarola e la si fa andare a fiamma dolce per una decina di minuti, girandola di quando in quando.

Passati i dieci minuti, si spegne il fuoco e si prende una padella antiaderente. Ci versiamo l’olio extravergine e poi ci aggiungiamo l’aglio tritato (o intero, se poi volete levarlo), le alici, i pinoli e le olive, dopodiché facciamo rosolare piano tutti gli ingredienti.

Pubblicità

A questo punto non rimane che calare in padella anche la scarola che abbiamo fatto appassire, aggiustando di pepe e aggiungendo i capperi dissalati. Infine mescoliamo con energia e poi copriamo di nuovo la padella, facendo proseguire la cottura per un’altra ventina di minuti.

Mentre la nostra scarola cuoce a parte in una padella mettiamo giusto un goccio di olio, l’aglio tritato finemente e la mollica di due panini sbriciolata grossolanamente. Facciamo saltare in padella e tostare per bene. Durante la tostatura aggiungiamo sale e pepe. Quando il pane sarà di un bel colorito spegniamo.

Impiattiamo la scarola stufata e serviamo con la nostra squisita “gratinatura”.

Buon appetito!

Tempo di preparazione: un quarto d’ora
Tempo di cottura: 30 minuti
Tempo totale: tre quarti d’ora
Porzioni: 4

 

Qual è la tua reazione?
Divertito
0
Entusiasta
2
Felice
0
Incerto
0
Innamorato
2
Vedi Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

DonnaUp è un magazine redatto dalle donne per le donne. Strizza gli occhi prevalentemente ai temi cari al mondo femminile, quali la bellezza, il benessere, il mondo fashion, il lifestyle, lo spettacolo e, last but not least, il food.

© 2020 DonnaUp. Tutti i diritti riservati.

← Torna Su