Leggendo Ora
Come rimanere svegli quando si dorme male o si soffre di narcolessia
Pubblicità

Come rimanere svegli quando si dorme male o si soffre di narcolessia

come rimanere svegli

Come rimanere svegli quando si dorme male o si soffre di narcolessia

Come rimanere svegli quando si dorme male o si soffre di narcolessia. La narcolessia è una malattia neurologica cronica che provoca in chi ne è afflitto ripetuti attacchi di sonno durante il giorno.

Insomma, chi soffre di questa condizione si addormenta più volte durante il giorno, senza volerlo e a prescindere da quello che sta facendo in quel momento.

Pubblicità

Nei casi più severi la malattia può accompagnarsi a debolezza muscolare, allucinazioni, paralisi del sonno e insonnia notturna.

Di solito la terapia privilegiata, se si soffre di questa malattia, è farmacologica (prescritta rigorosamente soltanto da un neurologo), ma se il tuo problema consiste nel fatto che cadi improvvisamente preda del sonno durante il giorno, allora possono essere d’aiuto anche alcuni cambiamenti nelle abitudini di vita.

Molto importante: possono essere d’aiuto, ma non certo sostituire la terapia coi farmaci (fondamentalmente stimolanti del sistema nervoso centrale), che è essenziale.

Vediamo quali possono essere questi accorgimenti.

Come rimanere svegli con la narcolessia

Sonnellini programmati. Si tratta di una strategia che consiste nel concedersi parecchi sonnellini al giorno, della durata ciascuno di 15/20 minuti.

Niente alcol prima di andare a letto. Cercate di andare a dormire sempre alla stessa ora. Se vi capita di svegliarvi di notte, non trastullatevi col telefonino o altri device elettronici: gli schermi dei computer non rilassano affatto.

L’ipocretina. Se soffrite anche di catalessia, è probabile che abbiate bassi livelli di un ormone che si chiama ipocretina: in tal caso può far bene mangiare cibi che lo contengono, come verdure a foglia verde, pane lievitato naturalmente e vegetali fermentati.

Pubblicità

Attenti ai carboidrati: zuccheri e carboidrati andrebbero limitati al massimo, se soffrite di narcolessia. Se assunti in abbondanza, infatti, possono dare sonnolenza.

Fate movimento: muoversi un po’ diciamo ogni venti minuti aiuta a stare allerta e svegli. Può essere utile, per esempio, anche solo camminare avanti e indietro mentre si parla al telefono.

Approfittare delle giornate di sole: la luce del sole aiuta a stare svegli. Una bella passeggiata all’aria aperta aiuta anche a produrre vitamina D, che è uno dei trattamenti chiave per la narcolessia.

Fate esercizio fisico: un’attività fisica regolare stimola il metabolismo e aiuta a riposare meglio di notte.

 

 

Qual è la tua reazione?
Divertito
1
Entusiasta
1
Felice
0
Incerto
1
Innamorato
0
Vedi Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

DonnaUp è un magazine redatto dalle donne per le donne. Strizza gli occhi prevalentemente ai temi cari al mondo femminile, quali la bellezza, il benessere, il mondo fashion, il lifestyle, lo spettacolo e, last but not least, il food.

© 2020 DonnaUp. Tutti i diritti riservati.

← Torna Su