Leggendo Ora
Chi non ha una propria vita tende a giudicare male la vita degli altri
Pubblicità

Chi non ha una propria vita tende a giudicare male la vita degli altri

Chi non ha una propria vita tende a giudicare male la vita degli altri

Le persone, qualunque sia la loro religione, stato sociale o provenienza, desiderano che la giustizia sia applicata nella società. Parlare di giustizia implica affrontare innumerevoli domande, ma in questo articolo ci concentreremo su un piano che non ha nulla a che fare con il diritto canonico, ma con la sensazione psicologica di giudicare gli altri e di essere giudicati nella vita quotidiana.

Chi non ha una propria vita tende a giudicare male la vita degli altri

Pubblicità

Potremmo dire che certe persone non giudicano le situazioni in modo tempestivo e isolato, ma hanno assunto il ruolo di giudice per piccoli eventi dell’esistenza degli altri senza che nessuno lo abbia chiesto.

Perché la società è piena di falsi giudici? Perché pensano che i loro giudizii siano validi per loro e per gli altri? Come sono arrivati ​​a quel punto?

“Odio i giudizi che si limitano a schiacciare e non trasformare”.

-Elías Canetti-

Chi non ha una propria vita tende a giudicare male la vita degli altri

Come agiscono queste persone che giudicano?

Le persone che giudicano gli altri non possono che detestare gran parte della loro vita  e quindi cercano il più possibile di intossicare gli altri. Non sono soddisfatti di quello che fanno e sono francamente infelici se qualcuno è soddisfatto.

Si tratta anche di persone che generalmente non hanno sentimenti negativi. Ma sono tremendamente frustrati e la frustrazione porta all’aggressione, che si manifesta in modi molto diversi. E sono persone che sono spesso tormentate dalle decisioni che hanno preso, forse imposte dall’esterno senza aver voluto quella scelta. Mantengono una relazione di conflitto psichico con questo tipo di eventi nella loro vita.

Giudicare gli altri, come fanno?

Coloro che giudicano spesso condividono modelli. Anche se sicuramente ce ne possono essere molti di più, abbiamo raccolto quelli che si ripetono di più. Stiamo andando a scoprirli, forse ti identifichi con loro e non te ne sei accorto!

  • Vogliono giustificare la traiettoria della loro vita screditando la vita degli altri. A volte alludono alla famosa affermazione: “Dopo tutto non sono così male, guarda X”.
  • Indubbiamente, parlano di persone e non di idee.
  • Pensano agli altri non da un prisma globale che possa far capire sia i fallimenti che i successi commessi da quella persona. Giudicano sulla base di euristiche che li ancorano al riduzionismo, alla semplicità e alla soggettività.
  • Tendono ad avere valori che non sono usati per calmare se stessi e il loro ambiente; ma per giudicare gli altri continuamente.
  • Mancano gli hobby e le attività che trovano interessanti.
  • Sono molto poco autocritici di quello che fanno. A loro non piace sentirsi giudicati in un compito che implica la dimostrazione delle prestazioni.
  • Si irritano facilmente.

 

  • I successi degli altri sono dovuti a cause esterne, instabili e specifiche, e alle cause interne, stabili e non specifici della situazione. Cioè, il suo successo è giustificato, quello degli altri è solitamente il risultato del caso.
  •  Credono che il fatto che il loro ambiente sia impegnato in giudizi contro gli altri rinvierà le opinioni che hanno delle loro stesse esibizioni.
  • Di solito non esprimono opinioni in presenza di molte persone.
  • Le loro critiche riflettono in molte occasioni il desiderio di sperimentare ciò che la vita le ha negato o che non sono stati in grado di raggiungere.
  • Non si preoccupano di migliorare. Considerano che il modo migliore per emergere è quello di spegnere la luminosità delle altre persone.
  • I loro giudizi possono essere miti e privati, pubblici o pericolosi.

Come affrontare chi giudica

Devi ignorare queste persone e non dar loro mai il potere di danneggiare la tua reputazione personale o professionale davanti a un gran numero di amici, familiari o qualsiasi altro pubblico.

Pubblicità

Davanti a queste persone usa l’ignoranza come arma,  anche se dovremmo essere vigili e preparati a non superare i limiti della nostra privacy a un livello più che condannabile.

“Ci sono candele che accendono tutto, tranne il tuo candelabro.”

-Friedrich Hebbel-

Nel caso in cui ti sei reso conto di essere quello che giudica senza averlo notato, ti incoraggiamo a risolvere quella frustrazione che ti sta facendo agire in quel modo. Questo migliorerà la tua vita senza alcun dubbio!

Qual è la tua reazione?
Divertito
0
Entusiasta
0
Felice
0
Incerto
0
Innamorato
0
Vedi Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

DonnaUp è un magazine redatto dalle donne per le donne. Strizza gli occhi prevalentemente ai temi cari al mondo femminile, quali la bellezza, il benessere, il mondo fashion, il lifestyle, lo spettacolo e, last but not least, il food.

© 2020 DonnaUp. Tutti i diritti riservati.

← Torna Su