Leggendo Ora
Origano: per conservarlo devi sbriciolarlo così. Il metodo della mia nonna

Origano: per conservarlo devi sbriciolarlo così. Il metodo della mia nonna

Origano: per conservarlo devi sbriciolarlo così. Il metodo della mia nonna

L’origano è uno degli ingredienti più utilizzati in cucina. Il suo gusto e il suo intenso profumo sono davvero unici e anche inimitabili.

Infatti è usato moltissimo in quasi tutti i piatti classici e anche nelle insalate. Inoltre spesso viene anche utilizzato per aromatizzare il pangrattato da utilizzare sulle verdure e sulle carni.

Pubblicità

Proprio perché viene usato così tanto e perché è considerato quasi indispensabile in cucina, in questa articolo è ti mostrerò il metodo della mia nonna per sbriciolarlo e per conservarlo dopo averlo essiccato. In questo modo si potrà avere il prodotto ancora con tutto il suo gusto e tutto il suo profumo.

Il procedimento disponibile qui sotto chiaramente porterà via un po’ di tempo ma ne vale decisamente la pena.

Origanum vulgare (oregano) herb – spice on a table

Origano: il segreto per sbriciolarlo e conservarlo nel modo corretto.

L’origano è un elemento indispensabile in cucina. Aggiungendo un pizzico di origano ogni piatto riuscirà ad acquisire sapore e gusto.

Per questo motivo qui sotto è possibile imparare a sbriciolare e dopo a conservare l’origano nel modo giusto.

Ora bisogna solo continuare a leggere per scoprire come fare.

Come si sbriciola l’origano?

Prima di tutto, per sbriciolare l’origano bisogna partire dai rametti freschi, meglio se raccolti direttamente dalla pianta, e dopo lavarli velocemente per rimuovere eventuali impurità. Dopodichè si fa asciugare per poi legare i rametti e sistemarli in una zona ventilata ma non esposta al sole.

Il rametto sarà ben secco quando toccandolo si sgretolerà molto facilmente.

Pubblicità

Ovviamente puoi anche decidere di comprarlo già essiccato in un supermercato.

Una volta che l’origano è secco bisogna adagiarlo su un vassoio o su un foglio di carta per poi cominciare a sbriciolarlo. Per riuscirci al meglio bisogna tenere i rametti legati e sfregare il mazzetto tra le mani in modo da far cadere l’origano.

Il modo più efficace per togliere tutte le foglioline è quello di procedere con il procedimento spiegato sopra e lavorando un rametto alla volta.

È importante fare ben attenzione a sbriciolare più volte l’origano tra le mani in modo da ottenerlo ben fine. Questo è un procedimento antico che risale alla notte dei tempi ed è quello migliore. E’ possibile sfilare dai rametti le foglie ed i fiorellini di origano e poi macinare tutto nel macina caffè ma il risultato non è lo stesso.

A questo punto bisogna solo scoprire come conservare l’origano.

Come si conserva l’origano?

Prima di tutto bisogna fare attenzione al risultato finale. Infatti se si nota la presenza di parti legnose nell’origano bisogna ovviamente eliminarle passandolo al setaccio.

Dopodichè bisogna trasferire l’origano in un barattolo di vetro ben pulito e igienizzato. Grazie a questo procedimento l’origano manterrà il suo aroma e il suo sapore molto più a lunga.

Pubblicità

Prima di chiudere voglio darti un consiglio. Se desideri sbriciolare l’origano nel minor tempo possibile puoi utilizzare la tecnica dello scolapasta dai fori piccoli. Bisogna solo inserire i rametti nello scolapasta e dopo scuoterli passando all’interno con la mano facendo movimenti svelti. Utilizzando questo metodo dai fiori cadrà l’origano e allo stesso tempo la parte legnosa rimarrà dentro lo scolapasta.

Buon lavoro.

 

Qual è la tua reazione?
Divertito
0
Entusiasta
0
Felice
0
Incerto
0
Innamorato
0
Vedi Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

DonnaUp è un magazine redatto dalle donne per le donne. Strizza gli occhi prevalentemente ai temi cari al mondo femminile, quali la bellezza, il benessere, il mondo fashion, il lifestyle, lo spettacolo e, last but not least, il food.

© 2020 DonnaUp. Tutti i diritti riservati.

← Torna Su