Leggendo Ora
Maggiore rischio di allergie se si mangia questo alimento: un nuovo studio
Pubblicità

Maggiore rischio di allergie se si mangia questo alimento: un nuovo studio

Maggiore rischio di allergie se si mangiano le verdure: un nuovo studio.

Nel Regno Unito negli ultimi anni sono molto aumentati i casi di “pollen-food-syndrome”, ovvero sindrome da polline nei cibi. Si ritiene che si tratti di una conseguenza indiretta del riscaldamento globale e dell’inquinamento, che farebbero sentire i loro effetti anche sui pollini.

Pubblicità

Maggiore rischio di allergie se si mangiano le verdure: un nuovo studio

Lo sostiene la dottoressa Isabel Skypala, dietista e allergologa nonché consulente del NHS (il servizio sanitario nazionale britannico).

La professionista ritiene che a rischiare di più siano le persone che seguono una dieta vegetariana o vegana. Ma non sono tanto le verdure in sé il problema, quanto il fatto che di base questi soggetti che manifestano problemi sono particolarmente allergici al polline, soprattutto a quello delle betulle; inoltre in certi casi soffrono di raffreddore da fieno.

Proteine scambiate per polline

Stiamo parlando di una reazione crociata che si può verificare allorché un soggetto allergico ai pollini consuma determinati tipi di frutta, verdura o altre sostanze vegetali. Il problema è che queste verdure contengono proteine che l’organismo di questi pazienti scambia per del polline, scatenando così la reazione allergica.

Di solito il disturbo si manifesta al consumo di frutta o verdure crude, ma secondo la dottoressa Skypala una reazione allergica può anche essere indotta da latte di soia, fagioli edamame, avocado e frullati.

In proposito la dottoressa ha dichiarato al Guardian:

“L’ultima ricerca sull’incidenza della PFS (Pollen-Food-Syndrome) in Gran Bretagna, che ho svolto nel 2008, ha mostrato che il 2 per cento degli adulti ne era affetto, compreso il 4 per cento dei londinesi. Sospetto che probabilmente l’incidenza sia raddoppiata da allora. Nella mia clinica al Royal Brompton Hospital di Londra, circa 5 persone su 10 che vedo ce l’hanno la PFS, mentre 10 anni fa potevano essere magari due”.

Il consiglio da portare a casa

In definitiva, chi è allergico ai pollini dovrebbe stare particolarmente attento alle possibili reazioni crociate scatenate da, per esempio: soia, avocado, fagioli edamame, mele crude, pere, kiwi, fragole, prugne
ciliegie, pomodorini, sedano e carote.

Pubblicità
Qual è la tua reazione?
Divertito
0
Entusiasta
0
Felice
0
Incerto
0
Innamorato
0
Vedi Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

DonnaUp è un magazine redatto dalle donne per le donne. Strizza gli occhi prevalentemente ai temi cari al mondo femminile, quali la bellezza, il benessere, il mondo fashion, il lifestyle, lo spettacolo e, last but not least, il food.

© 2020 DonnaUp. Tutti i diritti riservati.

← Torna Su