Leggendo Ora
Declassati alcuni tra i migliori marchi di cioccolato: scopri con noi quali sono
Pubblicità

Declassati alcuni tra i migliori marchi di cioccolato: scopri con noi quali sono

Declassati alcuni tra i migliori marchi di cioccolato: scopri con noi quali sono

Secondo un rapporto ad opera del cosiddetto “Chocolate Collective”, sarebbero 3 i marchi di cioccolato peggiori in quanto a trasparenza ed eticità. Insomma, non è che il cioccolato di queste aziende sia cattivo, faccia male o che altro, è solo che questi marchi si sono rifiutati di mandare il materiale informativo sul modo in cui producono il loro cioccolato.

Declassati alcuni tra i migliori marchi di cioccolato: scopri con noi quali sono

Pubblicità

Declassati alcuni tra i migliori marchi di cioccolato: scopri con noi quali sono

Quando addentiamo una tavoletta di cioccolato o un uovo di Pasqua, ovviamente ci concentriamo sul sapore: se è buono o non è buono, del resto in genere ci importa poco.

Ma il sapore non è tutto. Per la odierna sensibilità “politicamente corretta” conta infatti anche come si è arrivati alla produzione di quel cioccolato: da quali piantagioni proviene il cacao, quale impatto sull’inquinamento globale ha avuto coltivarlo e trasportarlo, quali sono state le condizioni di lavoro delle persone nei Paesi di provenienza della materia prima e via dicendo.

Questo perché non è raro che il cacao abbia, diciamo così, un retrogusto “amaro” su cui tendiamo a sorvolare, fatto ad esempio di sfruttamento del lavoro minorile e di inquinamento dell’ambiente.

Il retrogusto amarognolo delle uova di Pasqua

Ora, l’organismo che gestisce la cosiddetta Chocolate Score Card ha dato un punteggio in quanto a trasparenza ed etica ambientale e sociale alle marche più conosciute di cioccolato.

Detto che tra i migliori marchi (secondo questo sistema di classificazione) non ce ne sono di italiani, i peggiori dal punto di vista etico-sociale sono i produttori che seguono (avendo sempre ben presente che non stiamo parlando della bontà del cioccolato, ma della sua sostenibilità eco-etico-sociale, se così si può dire).

I criteri adottati erano:

Trasparenza e tracciabilità
Lavoro minorile
Reddito degli agricoltori
Eventuale deforestazione e impatto sul clima
Agroforestazione (modo più ecologico per coltivare cacao preservando l’ambiente).
Gestione agrochimica (eventuale ricorso ai pesticidi)

Pubblicità

Se credevate di trovare la Nestlé tra gli ultimi delle classe, qui avete una sorpresa. Le cioccolate peggiori  di questa indagine infatti sono:

  • Storck (produttore di Werther’s, Toffifay, Merci)
  • General Mills
  • Starbucks

Il motivo  non è niente di trascendentale: si tratta di tre aziende che si sono semplicemente rifiutate di partecipare all’indagine, ovvero non hanno inviato il materiale che era stato loro domandato dal Collettivo.

Questo atteggiamento, è chiaro, è stato censurato duramente dal Chocolate Collective. Le 20 ong che hanno condotto l’indagine scrivono infatti:

La non partecipazione è stata vista come una mancanza di trasparenza; crediamo che tutte le aziende che vendono prodotti a base di cioccolato dovrebbero essere in grado di dare le informazioni che chiediamo e consumatori e investitori hanno il diritto di conoscere le condizioni in cui viene prodotto il cioccolato”.

Articolo revisionato da Maria Di Bianco, Dottoressa in Scienze dell’Alimentazione e della Nutrizione Umana.

Qual è la tua reazione?
Divertito
0
Entusiasta
0
Felice
0
Incerto
1
Innamorato
0
Vedi Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

DonnaUp è un magazine redatto dalle donne per le donne. Strizza gli occhi prevalentemente ai temi cari al mondo femminile, quali la bellezza, il benessere, il mondo fashion, il lifestyle, lo spettacolo e, last but not least, il food.

© 2020 DonnaUp. Tutti i diritti riservati.

← Torna Su