Leggendo Ora
Costa meno del pellet, risparmi tantissimo ed è eco sostenibile
Pubblicità

Costa meno del pellet, risparmi tantissimo ed è eco sostenibile

Costa meno del pellet ed ecologico: la nuova frontiera del riscaldamento sostenibile

La nuova frontiera del riscaldamento sostenibile ha due ottime notizie per noi consumatori: costa meno del pellet ed è ecologica! Si tratta del nocciolino, un biocombustibile naturale derivato dal sansa di oliva, che oltretutto, mantiene la stufa efficiente.

Ma cos’è il sansa? É un ricavato della buccia, della polpa e dei frammenti di nocciolo di oliva, ecco perché prende il nome di nocciolino. Insomma, con gli scarti della spremitura per ottenere l’olio è possibile riscaldare casa in maniera pulita.

Non richiede l’abbattimento di alberi e non utilizza additivi chimici.

Pubblicità

Ma possiede un altissimo potere calorifico, a fronte di un prezzo davvero concorrenziale. Produce poco fumo e poca cenere, proprio perché contiene un’umidità bassa, che lo rende però efficace e duraturo: è perfetto per alimentare qualsiasi caldaia, stufa o camino policombustibile.

Costa meno del pellet ed ecologico: la nuova frontiera del riscaldamento sostenibile

Costa meno del pellet ed ecologico: il nocciolino di sansa

Questa è la classifica dei combustibili più noti in base al loro potere calorifico:

  1. Nocciolino 6700
  2. Sansa di oliva 6300
  3. Pellet 4500
  4. Legna da ardere 3500

Ne emerge una netta supremazia del nocciolino e del sansa; non solo, la composizione granulare e il peso specifico, li rendono più facili da stoccare. Ideale per il riscaldamento domestico, trova largo impiego anche in quello industriale, proprio perché è indicato per qualsiasi esigenza produttiva.

Se avete una caldaia o una stufa e volete provare a sostituire il pellet, prima di tutto richiedete una revisione approfondita; per un funzionamento ottimale, infatti le canne fumarie devono essere pulite. Non tutti i camini, poi, sono predisposti per una sostituzione dei combustibili. Sappiate, però, che ci sono società produttrici che miscelano nocciolino e pellet in modalità variabili per poter soddisfare tutte le esigenze.

Se avete una stufa a pellet e legno, mischiate ad esempio 1 sacco di nocciolino ogni 2 degli altri combustibili, innalzerete il potere calorifico senza uscire dai parametri stabiliti.

Una volta stabilito che potete utilizzare il nocciolino o il sansa, riempite a metà la vaschetta, poi avviate la combustione con un liquido idoneo; abbassate al minimo il flusso di aria fino ad ottenere una fiamma chiarissima, quasi bianca. Ora aggiungete combustibile e aria, senza però accumularne troppo per non spegnere il fuoco.

Pubblicità

Godetevi un tepore ecologico ed economico!

 

Qual è la tua reazione?
Divertito
0
Entusiasta
0
Felice
0
Incerto
0
Innamorato
0
Vedi Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

DonnaUp è un magazine redatto dalle donne per le donne. Strizza gli occhi prevalentemente ai temi cari al mondo femminile, quali la bellezza, il benessere, il mondo fashion, il lifestyle, lo spettacolo e, last but not least, il food.

© 2020 DonnaUp. Tutti i diritti riservati.

← Torna Su