Leggendo Ora
Cuocere la PASTA A FUOCO SPENTO| Risparmi il 47% di energia e non scuoce | Parola di premio Nobel
Pubblicità

Cuocere la PASTA A FUOCO SPENTO| Risparmi il 47% di energia e non scuoce | Parola di premio Nobel

Si fa un gran parlare di risparmio, soprattutto per quanto riguarda l’energia, in questo periodo di incertezze e di rincari. Cuocere la pasta a fuoco spento rientra in questo trend, ma siamo sicure sia una buona idea?

Pare proprio di sì, a sentire il parere del premio Nobel Giorgio Paris! I Pastai italiani di Unione Italiana Food hanno calcolato una riduzione addirittura del 47% sui costi della bolletta. Hanno promosso uno studio apposito che ha verificato anche una considerevole diminuzione delle emissioni di CO2 e del dispendio di acqua. Considerando che il consumo medio italiano di pasta si attesta intorno ai 23,5 kg pro capite, è possibile quindi abbattere i consumi di 44,6 chilowattora!

Se fino a poco tempo fa, nessuna casalinga italiana avrebbe mai azzardato un simile procedimento per cucinare un primo di tutto rispetto, oggi si fa di necessità virtù. La riuscita è assicurata, ma ad un patto: bisogna conoscere perfettamente i tempi e i passaggi per scolare lo spaghetto perfetto, spegnendo i fornelli al momento giusto. Non solo, un presupposto imprescindibile riguarda la qualità della pasta, che deve essere ottima!

Pubblicità

Curiose di saperne di più? Iniziamo!

Cuocere la PASTA A FUOCO SPENTO: ecco come fare.

Come è possibile che la pasta cuocia, una volta spento il fornello? Tecnicamente non lo è; il termine esatto per spiegare ciò che avviene in pentola è: reidratazione.

Accade, in breve, che una volta calata la pasta nell’acqua bollente, spento il gas e inserito il coperchio si avvia un processo fisico-chimico dal nome difficile da pronunciare: gelatinizzazione degli amidi. Per renderlo comprensibile, dobbiamo immaginare gli amidi assorbire l’acqua, gonfiandosi. La pasta, allora, diventa prima molle, poi si rassoda grazie alla presenza del glutine, che ri-coagula, raggruppa nuovamente le molecole. Questo meccanismo necessita di temperatura e umidità specifiche per avviarsi: bisogna mantenere gli 80 gradi almeno, in un ambiente umido al 25%. Se la temperatura diminuisce sotto ai 50°, i tempi di gelatinizzazione e agglutinamento si prolungano. Ecco perché dovrete attendere qualche minuto in più rispetto a quelli riportati sulla confezione per scolarla, se intendete seguire questo metodo.

Ecco come dovete procedere:

  1. portate ad ebollizione l’acqua in una pentola capiente,
  2. inserite un pugno di sale,
  3. calate la pasta,
  4. non spegnete ancora i fornelli, attendete 2 minuti prima di farlo in modo che riprenda il bollore;
  5. coprite con il coperchio e
  6. spegnete il gas;
  7. scolatela due minuti dopo rispetto a quelli consigliati e godetevi un primo non scotto, delizioso e parsimonioso!

Buon appetito!

Qual è la tua reazione?
Divertito
0
Entusiasta
0
Felice
0
Incerto
0
Innamorato
0
Vedi Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

DonnaUp è un magazine redatto dalle donne per le donne. Strizza gli occhi prevalentemente ai temi cari al mondo femminile, quali la bellezza, il benessere, il mondo fashion, il lifestyle, lo spettacolo e, last but not least, il food.

© 2020 DonnaUp. Tutti i diritti riservati.

← Torna Su